La bellissima Siena e i suoi dintorni

Commenta

Destinazioni Italia
Siena e dintorni

“Evviva! Si torna in Toscana!” Appena deciso, già non mi tenevo dalla gioia.
Questa volta, destinazione Siena e dintorni. “Secondo me, dopo Venezia, Siena è la città più bella d’Italia”, mi disse lui.
“Bene, andiamo a verificare se è vero!”
Io c’ero già stata da bambina, con la scuola, ma ricordavo soltanto la piazza, e di certo la mia percezione di allora non poteva essere quella di oggi.

Prenotammo un bed & breakfast in pieno centro, ad appena 200 metri da Piazza del Campo, in modo da poter girare tutto a piedi senza bisogno di pensare a mezzi pubblici, parcheggi e orari di rientro la sera.

Lo sapevate?

Grazie alla cortesia della padrona di casa, scoprimmo che quando si entra in zona ZTL per motivi turistici, la struttura ricettiva (hotel, b&b ecc.), girando i tuoi dati e una foto della targa della tua auto alla polizia, può consentirti l’accesso laddove la gran parte dei comuni mortali non può entrare, ed evitarti così di incorrere in multe. A dir poco fantastico!

Addentrarci con l’auto in pieno centro, fu emozionante. Come se Siena aspettasse solo noi.

Piazza del Campo

Lasciati i bagagli in stanza e dati una veloce rinfrescata, uscimmo subito alla scoperta della città e alla ricerca di un buon ristorante dove pranzare. Inutile dire che la prima tappa fu Piazza del Campo: semplicemente stupenda! La sua caratteristica forma a conchiglia, la sua pendenza verso il Palazzo Pubblico in cui risiede il Comune, e il piccolo conglomerato di locali e negozietti da cui viene abbracciata, mi lasciò incantata e senza parole. Sarei rimasta lì ore, senza sentire il bisogno di vedere altro. La bellezza è così: non sazia mai.

Piazza del Campo è anche nota per il Palio di Siena, che ogni anno richiama migliaia di persone. Ammetto che non è qualcosa che mi esalata, pensando a quanto possono soffrire i cavalli in quello spazio, ma di certo è un evento che merita attenzione, se non altro per il suo aspetto storico e culturale.
Per chi fosse interessato, quest’anno si terrà il 2 Luglio e il 16 Agosto. Ma di questo avremo modo di riparlarne più avanti 😉

Dicevo, lo stomaco reclamava cibo. Così ci dirigemmo subito alla volta di una buona trattoria in cui mangiare e bere qualcosa di tipico e di locale. Su Tripadvisor era indicato un locale a due passi dalla Piazza. Fu lì che ci gustammo prelibatezze che diedero ulteriore vigore alla già bella giornata.

A stomaco pieno, riprendemmo l’esplorazione della città, gustandoci il piacere di perderci lungo le contrade e scoprire quasi per caso le bellezze architettoniche che nascondevano. Prima fra tutti, il Duomo. La sua facciata è qualcosa di assolutamente incredibile tale è la complessità degli elementi che la compongono e il perfetto equilibrio dei suoi colori pastello, che vanno dal verde, al rosa, al bianco avorio. Nessuna foto può rendere l’incanto che si prova quando ci si trova lì davanti.

Il tramonto su Siena e le colline toscane

Essendo inverno e già pomeriggio inoltrato, non indugiammo davanti alla possibilità di salire sul Facciatone (un grande arco da cui è possibile ammirare il panorama di tutta la città) e di godere così di uno dei tramonti più belli d’Italia: quello sui tetti di Siena e le sue famose colline da cartolina. Mai decisione fu più felice. A dispetto delle strette scalinate a chiocciola, di almeno una testata sui bassi soffitti, e del fiato corto, arrivammo in cima all’arco entusiasti per il panorama che si dispiegava sotto i nostri occhi. La luce calda del crepuscolo stava ammantando tutto di un’atmosfera così romantica che non saremmo più voluti scendere da lì.

Siena Facciatone

E infatti, ci attardammo a tal punto da non fare in tempo a visitare l’interno del Duomo, il Battistero, il Museo e tutto quello che contempla l’OPI SI PASS ALL INCLUSIVE: un biglietto unico per accedere al Facciatone e a tutte le meraviglie del complesso. Fortuna che durava due giorni! Tempo permettendo avremmo potuto concludere il tour l’indomani.

Proseguimmo la nostra esplorazione passeggiando senza meta lungo le contrade, passando davanti all’imponente chiesa di Sant’Agostino e tornando poi a Piazza del Campo, quando ormai era buio e si era già affollata di giovani, che seduti o sdraiati a terra, chiacchieravano e ridevano come si sarebbe fatto in una qualunque serata estiva sulla Riviera Romagnola. Non volemmo essere da meno, e a dispetto dell’inverno e della temperatura (non così fredda, c’è da dire), ci distendemmo anche a noi a guardare il cielo da quella gigante conchiglia fatta di pietra e di storia. Che sensazione meravigliosa!

Pancia mia fatti capanna!

La cena, la consumammo in una caratteristica trattoria a pochi passi dal nostro B&B, e qui ci regalammo una fiorentina tra le più buone e un vino della casa (Chianti classico) che ce lo ricorderemo per molto tempo. Se volete provare, cercate anche voi “Antica Trattoria Papei”, non ne rimarrete delusi.

L’indomani, dopo (non) aver concluso il tour previsto dall’OPI SI PASS, ci fermammo al Consorzio Agrario Siena per fare incetta di salumi e formaggi e vini locali. Dovevamo assolutamente portarci a casa quei sapori così buoni, e far durare il più a lungo possibile il gusto di quel bellissimo weekend toscano.

Siena e dintorni: alla volta di Monteriggioni e San Gimignano

Sulla strada del ritorno, breve sosta nel minuscolo borgo di Monteriggioni: uno scrigno medievale le cui mura ancor ben conservate riescono a riportarti indietro di almeno mille anni. Davvero suggestivo.

E infine, una toccata e fuga nella splendida San Gimignano, dove trovammo rifugio dalla pioggia in un altro bel ristorante, ricavato da un chiostro dentro le mura del borgo, la cui cucina però non fu all’altezza della sua architettura.
Dopo esserci rifocillati, armati di ombrello, ci lasciammo andare al piacere di perderci lungo le vie del borgo, all’ombra delle innumerevoli torri e nell’eco di alcune minuscole piazze, così vuote da toglierci la percezione del tempo in cui abitiamo.

La Toscana non delude mai

Che dire, la Toscana non delude mai. E sì, alla fine posso dire che anche per me Siena è una delle città più belle d’Italia, insieme ai suoi dintorni fatti di borghi e panorami mozzafiato.

Se potete, concedetevi anche voi il piacere di scoprire o riscoprire questi luoghi. A volte, davvero, non c’è bisogno di andare tanto lontano o di avere tanti giorni di vacanza a disposizione, per vivere il gusto del viaggio e della scoperta.

San Gimignano Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *